BONUS MOBILITA’

Che cos’è il bonus mobilità?

Il buono mobilità è un contributo per l’acquisto, pari al 60% della spesa sostenuta (in misura non superiore a 500€) per l’acquisto di:

biciclette nuove o usate, sia tradizionali che a pedalata assistita;

handbike nuove o usate;

veicoli nuovi o usati per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica, di cui all’articolo 33- bis del DL 162/2019, convertito con modificazioni dalla legge 8/2020 (es.  monopattini, hoverboard, segway);

servizi di mobilità condivisa a uso individuale esclusi quelli mediante autovetture.

Come richiedere il buono mobilità?

Per ottenerlo bisognerà accedere tramite le proprie credenziali SPID all’applicazione web in via di predisposizione. L’app sarà disponibile anche dal sito istituzionale del Ministero dell’ambiente entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto, quindi entro il 18 luglio 2020.

La richiesta del buono si articolerà in due fasi:

Fase 1: va dal 4 maggio 2020 al giorno dell’entrata in funzione dell’applicazione web. L’acquisto potrà essere effettuato in qualsiasi negozio. Per ottenere il buono occorrerà conservare la fattura, non lo scontrino, ed allegarlo all’istanza da presentare mediante l’applicazione.

Fase 2: va dal giorno di inizio operatività dell’applicazione, al 31 dicembre 2020. Si potrà ottenere lo sconto direttamente dal rivenditore che ha aderito, infatti l’acquisto si potrà effettuare solo nei negozi aderenti, la cui lista verrà resa nota sul sito del Ministero dell’Ambiente.

L’acquirente dovrà indicare sull’applicazione web il mezzo che intenderà acquistare e la piattaforma genererà il buono spesa digitale da consegnare ai rivenditori autorizzati.

Stessa cosa vale anche per gli acquisti online, che sono ammessi in entrambe le fasi con la differenza che nella prima si può acquistare in qualunque sito, nella seconda solo in quelli aderenti.

Chi può usufruirne?

Possono usufruire del buono mobilità per l’anno 2020 i maggiorenni che hanno la residenza (e non il domicilio) nei capoluoghi di Regione (anche sotto i 50.000 abitanti), nei capoluoghi di Provincia (anche sotto i 50.000 abitanti), nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti e nei comuni delle Città metropolitane (anche al di sotto dei 50.000 abitanti).

Per la popolazione dei Comuni si fa riferimento alla banca dati Istat relativa al 1 gennaio 2019.

Per maggiori info potete contattarci a:
confconsumatori.pisa@gmail.com

Confconsumatori Pisa

confconsumatori.pisa@gmail.com