Tutti i pericoli della contraffazione:

La contraffazione è l’imitazione di un prodotto, mediante la replica non autorizzata del prodotto originale, realizzata con metodi e materiali inferiori. Consiste nel dare un’ appartenenza ingannevole ad un prodotto inducendo il consumatore in errore circa la sua origine imprenditoriale. La produzione/riproduzione, l’importazione, la vendita o l’impiego di prodotti e servizi e/o l’utilizzazione di un titolo di proprietà industriale (marchio, disegno, modello indicazione geografica o denominazione di origine) -senza autorizzazione- rappresentano uno dei reati economici che danneggiano maggiormente l’economia legale mondiale, incidendo profondamente su interessi tanto pubblici quanto privati. In Italia il mercato dei prodotti “copia” vale circa 6 miliardi di euro. Senza la contraffazione ci sarebbero circa 100 mila posti di lavoro in più e circa 6 miliardi di valore aggiunto (pari allo 0,45% del Pil italiano). L’agenzia delle Dogane e la Guardia di Finanza hanno di recente effettuato complessivamente, all’anno, 40/50 mila sequestri, che hanno riguardato 80 milioni di beni contraffatti. I settori più colpiti sono: abbigliamento e accessori 34%, Cd e software 27%, prodotti alimentari 16%, orologi, gioielli, giochi, medicinali, pezzi di ricambio auto etc al 23%. I canali di vendita dei prodotti contraffatti sono principalmente i negozi al dettaglio, gli ambulanti ed internet. Quest’ultimo è un canale di contraffazione in fortissima ascesa, in quanto da visibilità del prodotto ad ampio spettro, potenzialmente in tutto il mondo- rendendo difficile il controllo della totalità della rete- è un investimento economico minimo per avviare l’offerta in vendita e dà la possibilità di ‘nascondersi’ dietro registrazioni anonime e di scomparire in caso di contestazioni. Inoltre inizialmente non era ben regolamentato e solo recentemente si stanno formando le basi di un diritto e una giurisprudenza sull’e-commerce.

Il fine della criminalità organizzata che perpetua questi meccanismi è ottenere vantaggi economici attraverso la commercializzazione del prodotto a prezzo ridotto, rispetto all’originale, non curandosi degli obblighi di sicurezza nè per chi li produce e nè per chi userà i beni in questione. Essenzialmente la contraffazione comporta:

  1. mancate vendite per grossisti e dettaglianti;
  2. perdita di posti di lavoro nel settore del commercio all’ingrosso e al dettaglio;
  3. minore gettito fiscale;
  4. grave pericolo la salute e la sicurezza del consumatore;
  5. profitti ad appannaggio della criminalità organizzata.

Per produrre e vendere la merce contraffatta spesso si attua lo sfruttamento dei lavoratori: le misure anti infortunistiche, i diritti salariali ed umani, vengono tutti meno per ottenere guadagni illeciti. Inoltre spesso vengono utilizzate per produrre i beni, delle sostanze tossiche, per cui illegali, ma a basso costo.

La contraffazione interessa ormai la maggior parte dei settori produttivi, ma sta anche a noi consumatori, cittadini, ed esseri umani, porci delle domande a riguardo, ed è assolutamente necessario che anche noi ci assumiamo le nostre responsabilità e modifichiamo le nostre abitudini d’acquisto divenendo consumatori responsabili.

Chi produce e/o vende un bene contraffatto, commette un reato ex art 473-474 del Codice Penale.

Chi acquista un bene contraffatto è complice dei reati ex art 648 (ricettazione) o art 712 (incauto acquisto) del Codice Penale.

Evitiamo di comprare prodotti troppo economici, rivolgiamoci sempre a venditori autorizzati, acquistiamo solo prodotti con confezioni e imballaggi integri e controllando sempre le etichette dei prodotti, in particolare le indicazioni d’origine e la presenza del “marchio CE”.

La Marcatura CE rappresenta la Dichiarazione di conformità di un prodotto alle normative Europee.

Il fabbricante è il responsabile legale sul mercato e pertanto, la Marcatura CE rappresenta un requisito che deve essere obbligatoriamente rispettato ai fini della commercializzazione del prodotto nell’Unione Europea.

Soprattutto controllate questo simbolo in un settore della contraffazione in cui i danni alla sicurezza possono essere gravissimi, quello dei giocattoli contraffatti che non rispettano le normative europee di sicurezza. L’inosservanza di queste norme può mettere in serio pericolo la vita e l’incolumità fisica dei bambini.

Per maggiori info potete contattarci a:
confconsumatori.pisa@gmail.com

Confconsumatori Pisa

confconsumatori.pisa@gmail.com